ZONA DI POTERE FOTO

OK… SI PARLA TANTO DI ZONA DI POTERE!… MA COS’E’?

Ricordo bene il volto arrossato di Rossana associato ad un’espressione tra l’arrabbiata e rassegnata quando ha voluto condividere con noi il suo pensiero:

“A casa nessuno mi aiuta anche se sanno che sono oberata di lavoro. I ragazzi si ostinano a lasciare tutto in disordine e Michele torna dal lavoro, si piazza sul divano e chi si è visto si è visto! Posso anche non essere d’accordo ma alla fine cosa posso farci?”

Quando ai corsi tocchiamo il tema della zona di potere questa riflessione ed altre simili a questa non mancano mai.

In quell’occasione a Rossana si era unita Miriam: “ Tanto già sappiamo che le cose non cambieranno mai. Anche a casa mia si parla tanto di collaborazione, di fare gioco di squadra ma poi ognuno ritorna sul suo comportamento e le parole finiscono nel dimenticatoio…”

La condivisione aveva trovato adesione da parte degli altri partecipanti.

Io stessa ho pensato tante volte la stessa cosa e lasciato che quel malumore interferisse in modo importante anche sulla qualità delle mie relazioni personali.

Fino a quando ho scoperto che ero io stessa a concedere agli altri la possibilità di portarmi in uno stato emozionale che poi mi teneva bloccata e mi impediva di accedere a risorse (che tutti abbiamo) più funzionali.

Se è vero che ci sono situazioni che non possiamo cambiare perché dipendono da agenti e fattori esterni è altrettanto vero che possiamo scegliere in ogni momento come reagire a ciò che ci arriva.

Chi decide come ti senti? Chi può determinare il tuo umore o l’andamento della tua giornata? Chi decide come reagisci alle situazioni? Vuoi essere tu il protagonista della tua vita o lasciare agli altri questo potere?

Il viso di Rossana ha tradito in quel momento una certa perplessità… “ non ci avevo mai pensato, eppure sembra così semplice..”.

Ed è davvero semplice solo lo dimentichiamo tanto spesso e con troppa facilità. Non possiamo avere il controllo delle azioni, pensieri, parole ed emozioni degli altri, nemmeno se “gli altri” sono le persone a cui siamo più legati. Ognuno di noi ha la propria zona di potere ed è respons-abile in prima ed unica persona delle proprie azioni, parole, emozioni e pensieri.

Nessuno può obbligarci a dire, fare, pensare e sentire qualcosa che non vogliamo. Non c’è infatti dentro di noi un ospite indesiderato che si muove, pensa, parla e si emoziona al nostro posto. Siamo noi gli artefici della nostra vita. E se è così non sarebbe più funzionale scoprire come raggiungere la migliore versione di noi stesse/i?

VIENI A TROVARCI AL CORSO CHE ABBIAMO ORGANIZZATO PER TE “LA TUA ZONA DI POTERE” E SCARICA L’EBOOK 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *